Pubblicato da: caterina | 22 giugno 2009

Febbri periodiche

Ecco che finalmente è arrivata l’ispirazione per fare e scrivere qualcosa di nuovo o meglio qualcosa che avevo lasciato nel cassetto…

Da quando il prof ci ha consigliato ricerche su PubMed mi sono messa più volte a trovare qualcosa che catturasse la mia attenzione fino a quando ho dovuto cercare delle informazioni sulle febbri periodiche con mio padre (medico). Ebbene sì nel piccolo paesino di Montevarchi è arrivata una paziente di Arezzo con una malattia alquanto rara, di cui ancora fanno ricerche per poterne capire di più (soprattutto in Francia dove c’è un centro di ricerca specifico) ….e lei intanto cerca di passare al meglio i suoi giorni.

Beh spulciando un pò questo sito ho trovato molte cose di cui non capisco bene il significato ma alla fine sono arrivata ad un dunque. Per l’appunto la malattia specifica della paziente riguarda la TRAPS:

 

“Sindromi delle febbri periodiche ereditarie” includono le note febbre mediterranea familiare (FMF) e sindrome da IperIgD (HIDS), ma anche la Muckle-Wells syndrome (MWS), l’orticaria da freddo familiare (FCU) e la tumor necrosis factor receptor-1-associated periodic syndrome (TRAPS), di recente definizione. La TRAPS è forse quella che ha ricevuto più notorietà negli ultimi tempi, grazie alla constatazione dell’ importante effetto terapeutico dei nuovi farmaci biologici anti-TNF. La TRAPS è una malattia ereditaria a trasmissione autosomica dominante dovuta ad alcune mutazioni della super famiglia 1A del recettore solubile del TNF (TNFRF1A). I pazienti con TRAPS hanno attacchi ricorrenti di febbre e dolori a carico di articolazioni, addome, muscoli, cute ed occhio. In questi soggetti è stata ritrovata una mutazione del gene TNFRF1A. Questa mutazione impedisce la solubilizzazione del recettore e quindi predisponendo la cellula a subire maggiori effetti dal TNF. La TRAPS è la prima malattia in cui sia stata ritrovata una mutazione naturale del recettore del TNF.

Per capire meglio

http://it.wikipedia.org/wiki/Fattore_di_necrosi_tumorale

e gli articoli che ho trovato su PubMed

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11583827?ordinalpos=1&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DiscoveryPanel.Pubmed_Discovery_RA&linkpos=4&log$=relatedreviews&logdbfrom=pubmed

Annunci
Pubblicato da: caterina | 2 giugno 2009

Fine corso

Ho pensato per molto tempo a cosa poter scrivere in questo post… cercavo le parole giuste per descrivere le mie impressioni ma mi è rimasto davvero difficile. Non ho ritrovato i soliti canoni su cui mi baso per giudicare un corso o qualsiasi altra cosa che faccio all’interno di un ambito in cui mi aspetto di imparare..penso sia stato il suo obbiettivo Prof.! A mio avviso non si può definire nemmeno corso, più che altro è stato un percorso che Lei ha cercato di farci vedere…una prospettiva diversa e forse nuova! Mi ha affascinato molto il suo primo incontro, è stato proprio come un fulmine a ciel sereno..(no via forse è un pò troppo esagerato però penso di aver reso l’idea 🙂 ). Per non parlare dell’incontro che ci ha fatto fare con il gruppo dei clown che lavorano all’ospedale di Ponte a Niccheri, è stato non solo interessante ma anche molto divertente!

E’ stata un’esperienza fuori dalle righe a cui sicuramente non possiamo dare la parola FINE perchè deve essere intesa come una finestra, come un’opportunità da sfruttare e portare avanti!

L’unica pecca, se così si può definire, è stata un pò la ripetitività dei suoi incontri…con questo non voglio dire che non li rifarei ma mi sono risultati troppo ridondandi. Abbiamo fatto, mi sembra, quattro incontri con Lei e ci ha sempre ribadito il solito concetto in modi diversi. Forse è stata tutta una tattica per farci capire bene cosa intendeva, pensava che fossimo proprio duri!..e forse non ha nemmeno tutti i torti! REPETITA IUVANT!

In fin dei conti non mi sembra di aver scritto queste grandi cose..forse l’ispirazione in realtà non era ancora arrivata… 🙂 se mi viene in mente altro ve lo renderò noto! Devo ammettere però che il mostro di istologia si sta risucchiando tutto il mio tempo e, come vedo tra i blog, non sono l’unica!

Pubblicato da: caterina | 24 maggio 2009

Messaggi dall’acqua

E’ noto a tutti che l’acqua è la risorsa fondamentale del nostro organismo e della Terra in generale, entrambi composti circa dal 70% da questa strana e curiosa molecola!

Il Dr. Masaru Emoto ha condotto ricerche sull’ influenza che agenti esterni possono avere sull’acqua, congelandola poi, ha esaminato e fotografato i cristalli che forma. Facendo questi studi ha scoperto cose strabilianti che hanno subito catturato la mia attenzione e ora voglio riuscire a stupire anche voi!

Innanzitutto i cristalli risultano tutti esagonali ma tutti diversi tra loro in quanto l’acqua risulta essere espressiva, come una persona, e cambia in relazione al luogo, all’ambiente in cui si trova. Lo scienziato ricercatore giapponese ha esposto l’acqua a diverse melodie, a scritte, pernsieri, parole e preghiere che hanno mutato la struttura dei cristalli come se loro stessi volessero inviare dei messaggi…

Vi lascio il link così potete capire meglio e curiosare di più!!! 🙂

http://www.disinformazione.it/water.htm

Pubblicato da: caterina | 13 maggio 2009

Progetto GRU.C.CIA

Cari ragazzi è tantissimo che non torno a scrivere!

Volevo rendervi partecipi del progetto che sta realizzando l’associazione volontari ospedalieri all’ospedale della Gruccia a Montevarchi (AR), il motto è : “Un giorno senza sorriso è un giorno perso” (Charlie Chaplin). Si tratta di un progetto che si basa sulla clown terapia, infatti GRU.C.CIA sta per GRUppo Clown CIAk, si va in scena! Un gruppo di giovani volontari con un sogno: quello di riuscire a portare un raggio di sole a bambini, forse un pò sfortunati, ma con tanta voglia di tornare a ridere e scherzare. Amicizia, Divertimanto e Sorriso sono i protagonisti di questo nuovo progetto che ha un copione ancora tutto da scrivere e che inizierà dal prossimo settembre.

Chiunque sia interessato, della zona del Valdarno e oltre, si faccia avanti!!!

Pubblicato da: caterina | 14 aprile 2009

Riflettiamo sul copyright

Riprendendo alcune parole del professore… “Si tratta di un problema assolutamente generale perché gli uomini non creano dal nulla bensì creano per accrescimento del creato che ciascuno di essi trova”. Questo discorso non fa una piega, è chiaro che ci sono poche, pochissime persone che riescono a creare dal nulla e la stragrande maggioranza invece riesce a migliorare l’operato dell’altro utilizzandolo e sfrutandolo al massimo (anche perchè al giorno d’oggi quasi tutto è già stato creato..). Ovviamente per fare ciò vi deve essere una maggior definizione del confine tra protezione delle opere e possibilità del riuso del materiale soprattutto a fini istruttivi.

La questione è poco chiara e demarcata,proprio come nella maggior parte delle leggi che cercano di delineare problemi spinosi, dovrebbero scindere i singoli casi ma diventerebbe  sicuramente un gran casino! Naturalmente è nostro diritto, soprattutto dei nostri docenti, poter divulgare e usufruire liberamente del materiale che ci fanno vedere a lezione. E’ un problema che ho notato subito e che continuamente ripetono tutti, soprattutto ultimamente alle lezioni di istologia…….

Cosa fare allora??!! Protesta e opposizione costruttiva? Ci sto! Bisognerebbe però conoscere a fondo la legge e saper interpretare tutti i possibili villi che può nascondere.

Pubblicato da: caterina | 10 aprile 2009

Coltivare nuove connessioni: come stare online

Beh Prof. cosa dire?! Mi ha lasciato senza parole, come la maggior parte delle volte che ci ha parlato in classe.. ci mostra un mondo del tutto diverso a quello a cui sono abituata!

La scolarizzazione è profondamente radicata in ogniuno di noi e, personalmente, mi rimane molto difficile uscire da questa ottica, mi richiede un grande sforzo, ma del resto mi sono promessa di riuscire ad entrare piano piano in questo meccanismo. Il concetto di connessione a tutti livelli deve essere alla base del nostro progredire, senza confronti e senza condividere con gli altri le nostre idee e scoperte siamo delle persone povere: ogniuno di noi spontaneamente ha già un suo orticello che sta coltivando.

Il problema, anche se non può essere definito come tale, è entrare nella nuova ottica dell’online, della condivisione ad ampio raggio attraverso uno schermo seduto alla tua scrivania. Mi rendo conto di quanto possa essere attratta da questa nuova visione ma allo stesso tempo mi rendo conto di essere profondamente lontana… la mia mente, forse pigra, forse assopita o coperta da un velo comune a molti, riesce a fatica a reagire al flusso delle rete. Sarà  solo questione di abitudine? Lo posso solo scoprire vivendo e magari vi terrò informati della mia evoluzione!

Prof. sta accendendo in me tante piccole lucine… chissà dove arriveremo 🙂 !

Pubblicato da: caterina | 27 marzo 2009

Ancora bambine ma già adulte

Leggendo il  giornale di tutti i giorni che trovo alla stazione di Rifredi, \” LEGGO\”, ho trovato questo articolo: \” da luglio 2008 è partito un progetto in sei istituti della contea dell\’Oxfordshire per cui allieve, dagli 11 ai 13 anni, possono ricevere gratuitamente la pillola del giorno dopo inviando un solo sms all\’infermiera della scuola. Il tutto con la garanzia che la famiglia non saprà mai nulla.\”  Tutto questo per evitare il trauma dell\’aborto a queste giovanissime perchè bisogna stare al passo con i tempi!

Qui abbiamo raggiunto l\’apice di una società ormai senza valori…

1- innanzitutto se si parla di bambine di 12 anni, più o meno sviluppate da un anno, considerando che la maggior parte delle loro coetanee ancora avrà 3 anni prima di \”diventare donna\”, il sesso viene fatto sempre più precocemente, senza sapere cos\’è o dei rischi che si corrono. Una bambina di quell\’età non conosce ancora il proprio corpo..

2-si permette di dare una dose di ormoni spropositata a un organismo ancora in via di sviluppo senza alcun problema. La pillola del giorno dopo non è mica uno scherzo! Però se ho un rapporto non protetto sembra che basti mandare un sms e tutto si risolve..

3-se sono arrivati ad attuare un progetto del genere vuol dire che la situazione è raccapricciante, vuol dire che i ragazzi della nuova generazione cercano sempre di più, in maniera spropositata, l\’esagerazione e il nuovo, bruciando inevitabilmente tutte le tappe e perdendo i momenti più belli..

4- tutto ciò all\’oscuro dei genitori?! Ma stiamo scherzando! C\’è un limite a tutto, non mi sembra il caso di equiparare questo fatto al marinare la scuola..! Si insegna ai ragazzi di omettere sempre i genitori, di non ascoltarli e non avvertirli su certe cose che sono estremamente importanti e riguardano la vita della loro figlia!

5-agendo in questo modo si incentiva il sesso libero a tutte le età senza nessuno scandalo!

Pubblicato da: caterina | 22 marzo 2009

Delicious

Anch’io adesso ho delicious, il mio account è http://delicious.com/cate88 !!!

Confesso che mi sono trovata un pò in confusione con quelle pagine scritte in inglese…non sapevo da che parte farmi!Stavo quasi impazzendo! Alla fine per fortuna ho prevalso sul computer e si è rivelato più facile del previsto!Alla grande. Ho appena messo il mio account e quindi devo farci ancora la mano ma sembra molto conveniente e sicuramente un mezzo di aggregazione con il quale posso vedere e fare ricerche su link già segnalati da altri. Perchè sono proprio gli interessi e le attenzioni degli altri che ci devono far riflettere in maniera critica e magari migliorare! 🙂

Pubblicato da: caterina | 21 marzo 2009

Scienza, privilegio di pochi

Cari ragazzi questa è una notizia di circa un mese e mezzo fa ma è necessario ribadirla.

La scienza sta facendo passi da giganti e a gennaio uscì,solo su qualche eccezionale rivista o on-line, la scoperta del possibile autotrapianto di cellule staminali dal midollo osseo in pazienti affetti da sclerosi multipla con effetti di regressione dei sintomi. Questa è una notizia eccezionale ed infatti sulla maggior parte dei quotidiani inglesi era scritta a caratteri cubitali in prima pagina… ora io mi domando,perchè in Italia no?! Non sarà mica perchè la chiesa e il Papa sono contro la ricerca delle cellule staminali?! a voi la parola perchè io sono rimasta davvero senza… Le persone comuni sono all’oscuro delle svolte che potrebbero cambiarle la vita, perchè in questo paese la scienza non le grida a gran voce?

Pubblicato da: caterina | 5 marzo 2009

inizio un nuovo percorso…

Ciao a tutti! Finalmente anch’io sono entrata nella mentalità del blog…anzi, forse ancora no! é la prima volta che apro un mio blog perchè finora non ho mai avuto l’occasione e neppure sentito la necessità ma chissà, c’è sempre una prima volta e magari mi appassionerò anche! 

Il titolo che ho dato al  blog è stato ripreso da una frase del film “into the wild” che del resto afferma una grande verità! La felicità non è niente se non hai amici, compagni, famigliari con cui condividerla e renderla reale, vera. Attraverso queste pagine renderò anche voi partecipi dei i miei pensieri così che l’aspirazione alla felicità sia ancora più concreta! 🙂

Categorie